Un rondò napoletano

fustigazione-di-una-prostituta

Tra i testi di Enzo Moscato, intarsiatore della lingua napoletana, Partitura, scritto nel 1988, è una scrittura poetica che si discosta dalla tradizione teatrale napoletana, sciogliendo il dialetto da gran parte delle sue incrostazioni “piccolo-borghesi”, dalle contaminazioni con la lingua italiana. Non si tratta però di una ricerca stilistica, un andare alla ricerca del barocchismo dei testi del ‘500 o del lirismo della canzone napoletana. I testi di Moscato sono spesso un porto franco dove si scontrano le culture della città-tribù napoletana, a volte narrati  con una sola voce, in cui echeggiano le stratificazioni storiche, che rivivono attraverso la complessa semantica della lingua napoletana, in una contrapposizione tra eros e sangue, in una germinazione di immagini che seguono il ritmo barocco di Partitura.

Una germinazione poetica che racconta la visione di una città dal lato femminile: la città-medusa immortale, gelatinosa e velenosa, uterina e fetida, compiacente e connivente, sapiente ed ignorante, avida e generosa…tradita ed abusata.

RONDÒ

(da Partitura, di Enzo Moscato)

Nu juorno, ‘o Viceré spagnuolo,

dàtese ca mille e mille nave francese,

stevano minacciose dint’o puorto,

pronte a menà ‘nterra tutt’a città,

chiammaie in audienza, a palazzo,

tre Faccetoste, tre Femmene ‘e vita,

tre Bazzeriote napulitane e le dicette:

“Nenné, io saccio ca vuie tenite

stommaco e curaggio,

e, ccà, por Napoles, a situazione

nun è bbona:

‘e Francise vonno trasì, comme vedite,

risolute, n’ata vota,

a se piglià o posto nuosto.

E nuie Spagnuole, è o vero o no?,

v’amme sempe prutiggiute:

nun v’avimme miso nuie fòndaco e bancone?

quanti surdate, llà, v’amme mannate?

quanti denare cu nuie ve site fatte?

Perfino a strada ca se chiama Céuza,

peffino li bbordelle,

perfino o mmale ca v’appèsta e ccarne,

voi la dovete a noi,

a nuie Spagnoledad,

ca tutto ve purtaieme diritto dalle Americhe!

Pirciò, mo, cocche ccosa avit’a fà,

stateme a ssentì:

pigliate na paranza e, sott’e nnave de’ nemici,

de chello ca vuie site, facite bbona canna e bbona lenza,

aroppe (si vuie turnate c’o sì e no c’o non),

a tutte vuie ve damme o Trianòn…”

Y e tre Faccetoste, e tre Femmene ‘e vita,

e tre Bazzeriote napulitane, sentenno sta parola,

se ne iettero ‘e capa, se ne saglietteno ‘e pressione,

e, ‘ntella, subbeto llora iettono sott’e nnave de’ nemici:

e facettono mbriacà, e facettono sfugà,

e, aroppa,

d’a battaglia ca ci afoss’avut’a stà,

nisciuno ‘e chille teneva chiù ggenio ‘e cuntinuà…

N’ata a vota, po’, ‘o Lieutenente de Francise,

dàtese ca mille e mille galiune spagnuole,

stevano minacciuse dint’o puorto,

pronte a menà ‘nterra tutt’a città

chiammaie in audienza, a palazzo,

tre Faccetoste, tre Femmene ‘e vita,

ati tre Bazzeriote napulitante e le dicette:

“Nenné, io saccio ca vuie tenite

stommaco e curaggio,

e, ccà, por Napoles, a situazione

nun è bbona:

‘e Spagnuole vonno trasì, comme vedite,

risolute, n’ata vota,

a se piglià o posto nuosto.

E nuie Francise, è o vero o no?,

v’amme sempe prutiggiute:

nun v’avimme miso nuie fòndaco e bancone?

quanti surdate, llà, v’amme mannate?

quanti denare cu nuie ve site fatte?

Perfino a strada ca se chiama Céuza,

peffino li bbordelle,

perfino o mmale ca v’appèsta e ccarne,

voi la dovete a noi,

a nuie Francise e Spìngule ‘e Lione,

ca tutto ve purtaieme diritto dalle Americhe!

Pirciò, mo, cocche ccosa avit’a fà,

stateme a ssentì:

pigliate na paranza e, sott’e nnave de’ nemici,

de chello ca vuie site, facite bbona canna e bbona lenza,

aroppe (si vuie turnate c’o sì e no c’o non),

a tutte vuie ve damme o Trianòn…”

Y e tre Faccetoste, e tre Femmene ‘e vita,

e tre Bazzeriote napulitane, sentenno sta parola,

se ne iettero ‘e capa, se ne saglietteno ‘e pressione,

e, ‘ntella, subbeto llora iettono sott’e nnave de’ nemici:

e facettono mbriacà, e facettono sfugà,

e, aroppa,

d’a battaglia ca ci afoss’avut’a stà,

nisciuno ‘e chille teneva chiù ggenio ‘e cuntinuà…

Pecché, vedite, tutt’e puttane,

soprattutto chelli napulitane,

so’ fatte proprio accussì:

a lloro nun ce ne fotte niente de denare,

de’ solde, no…

lloro so’ nnammurate sule de’ pparole,

de’ pparole…

‘e chilli sciusce d’aria senza cunsistenza

ca so’ e pparole,

meglio ancora si sonano furastiere…

E accussì:

“Trianòn, Trianòn, ce dann’o Trianòn!

– se dicevano ll’una cull’ata,

ll’una cull’uocchie, c’a speranza ‘e n’ata –

Ce danno nu castiello,

addeventamme nòbbele, marchese, e chi sa c’ato!”

E, mentre faticavano, sta parola

Trianòn, Trianòn…

‘ntrunava ncap’a lloro,

zumpava mpietto a lloro:

s’a vedevano già mmiezz’a mano,

comm’a nu brillante,

na gemma misteriosa, saracena,

n’acqua marina strana, mezz’azzurra e mezza rosa

comm’a luce ca spicchia dint’all’uocchie de’ ninnille,

mo’ mo’ nate, a ppiett’a mamma…

E, allora, ‘ntella,

tutt’e vvote ca ci a dicevano sta parola,

Trianòn,

tutt’e vvote ca ce a spalummavano

pe nnanzo, sta parola, Trianòn,

subbeto lloro ievano sott’e nnave de’ nemici,

e facevano mbriacà, e facevano sfugà,

‘e, aroppa,

d’ogni battaglia ca ce afoss’avut’a stà,

nisciuno ‘e chille teneva chiù ggenio

‘e continuà…

Embè, o ssapite che d’era stu Trianòn?

Nisciuno ve l’ha maie ditto?

Ato che castiello francese, titolo ‘e nobiltà,

gemma preziosa!

Seh!

Carcere o scuro,

galera,

cancelle,

priggione,

catenaccio,

licchetto, chest’era, chesto!

Carcere o scuro, sempre!

E quando maie simme state o llustro, nuie?

E quando maie simme state cazze

‘e ce allummà?!

Ma, a chilli tiempe, era pure peggio ‘e mo’;

a chilli tiempe, in ringraziamento dei nostri servigi,

ci facevano accomodare nel fresco

budello di un vicolo,

‘o quartiere a Vicaria,

dint’a na saittella ventilata,

che, soprattutto nei mesi estivi,

i Signori Potenti, così bene serviti,

Spagnuole, Francise, Austrièce,

Savoiardi, Borboni,

graziosamente donavano,

come villeggiatura,

alle sciagurate sfoga-chiorme di turno:

dopo avergli impresso sul petto

nu tatuaggio a forma ‘ e stella,

a fforma ‘e stella rossa a otto punte,

e ogni punta diceva na lettera:

m-e-r-e-t-r-i-x-

m-e-r-e-t-r-i-x-

e po’ se ne ievano,

cu nu piezzo d’inchino, si ve pare,

cu nu piezzo ‘e sciamanfù, si ve piace

ma chesto, chest’era, chesto rimmaneva

a lloro, ‘e vaiasselle:

carcere o scuro, carcere o scuro, sempre,

per la cui porticina, piccerella, piccerella,

manco se puteva passà,

senza la preventiva e rustica rovistazione

alle loro parti intime, “molto” intime,

e si ce steva in giro qualche ennesima quadriglia

de riènnele, perucchie e fetenzie, assorbite,

le cumbinavano pure, pe rrialo, nu bellu

taglio di capelli alla Giovanna d’Arco!

“E benvenute! – cantava lu guardiano a ll’e

vvedè – benvenute !!!

Padre, n’atu frate, brodo lungo e seguitate!”

Ma comme se fà cu a munnezza, neh?,

comme se fà?

Comme s’è fatto sempre:

primma s’ausa e aroppe se n’abbusa…!”

E ogne notte, dint’e celle, passava na vecchia,

na vecchia pazza, cu na sporta e na lancella,

dev’acqua, pane e doie parole amare,

e po’ ieva alluccanno

per tutt’e pporte,

pe tutt’e mmura,

pe tutt’e viche stritte ‘e stu sburiello:

“Si tiene figlie mascule – diceva – nun chiammà mariuole,

e si tiene figlie femmene, nun chiammà puttane…

si tiene figlie mascule nun chiammà mariuole,

e si tiene figlie femmene, nun chiammà puttane…

si tiene figlie mascule nun chiammà mariuole,

e si tiene figlie femmene, nun chiammà puttane…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: