archivio

Archivio mensile:agosto 2014

GAZA2

Un cablogramma ufficiale tra l’ambasciatore degli Stati Uniti in Israele (tra il 2008 ed il 2011), Cunningham, ed il Dipartimento di Stato degli USA, conferma che la politica degli israeliani a Gaza è stata concepita per mantenere la popolazione sull’orlo del collasso economico.

Un dispaccio diplomatico del 2008 dell’ambasciata USA in Israele, classificato con un alto livello di segretezza, rivela che membri del governo e degli apparati di sicurezza israeliani riferirono alle rappresentanze diplomatiche degli Stati Uniti che l’economia di Gaza sarebbe stata manipolata e mantenuta ad un livello di povertà, ai limiti del disastro umanitario. Il cable, datato 3 novembre 2008, ha preceduto di oltre un mese l’inizio dell’operazione Piombo Fuso dell’esercito israeliano (27 dicembre 2008-18 gennaio 2009), ed è stato inviato dall’ambasciatore statunitense a Tel Aviv, James B. Cunningham, al Dipartimento di Stato americano, non ancora insediatosi il presidente Barack Obama.

Pubblicato tra i file di WikiLeaks nel giugno del 2011, il testo, ripreso anche dal quotidiano progressista israeliano Haaretz, è un resoconto dei colloqui tenutisi tra l’ambasciata USA ed alti funzionari delle istituzioni israeliane.

Fin dalla vittoria elettorale di Hamas nelle elezioni legislative del 2006, Israele ha considerato la striscia di Gaza come “entità ostile” e anche le decisioni relative alla quantità consentita degli shekel in circolazione (la moneta israeliana, che viene usata anche nell’economia annessa dei territori occupati), sono trattate dal governo di Tel Aviv come questioni che interessano la sicurezza nazionale d’Israele.

Read More

Il TX-2 al MIT (1962)

Il TX-2 al MIT (1962)

Tra le prime donne scrittrici di Science Fiction, Fantasy e Speculative Fiction, Catherine Lucille Moore, dopo gli inizi nel genere Pulp, è stata autrice di short-stories e romanzi nel periodo formativo della Fantascienza moderna, influenzando gli sviluppi del genere, ad esempio con il grande successo popolare del racconto Shambleau, pubblicato nel 1933 sulla rivista Weird Tales.

La Weird Tales dedicò due fortunate serie  ai due personaggi principali creati da Moore, Northewest Smith, un pilota-cow boy spaziale le cui avventure erano ambientate in un sistema solare dove ogni pianeta può ospitare la vita umana, abitati da uomini primitivi con i quali i colonizzatori istauravano un rapporto analogo a quelli tra gli americani e gli indiani nativi; e l’eroina del genere Fantasy e Sword and Sorcery (spada e stregoneria), Jirel di Joiry, le cui avventure si svolgevano in un ambiente soprannaturale ed apparentemente medioevale.

Le ambientazioni iniziali della Science Fiction di C.L.Moore si muovono nella rielaborazione dell’archetipo del contatto con il trascendente tramite il viaggio spaziale o l’incontro con l’alieno. A partire dal 1938, la scrittura di Moore si è mescolata con quella di Henry Kuttner (con il quale si sposò nel 1940), co-scrivendo numerosi romanzi e racconti sotto diversi pseudonimi (18 in totale, fra cui Lewis Padgett, Lawrence O’Donnell, Keith Hammond, etc. Ognuno con una personalità ed uno stile narrativo diverso) collaborando con tutte le maggiori riviste di genere del periodo.

Dopo la morte del compagno, nel 1958 Catherine L. Moore ha iniziato a scrivere sceneggiature per la televisione per la serie western Maverick e per 77 Sunset Strip (trasmessa in Italia con il titolo: Indirizzo Permanente) un serial tv con protagonisti due detective privati.

Read More

shrapnel

Il 4 ottobre del 2001 il volo SB-1812 della Siberia Airlines, Tel Aviv-Novosibirsk, fu abbattuto per errore da un missile delle forze armate ucraine. Morirono 78 persone, 50 delle quali cittadini israeliani. Mentre iniziava il rimpallo delle responsabilità, l’accertamento della verità fu effettuato in tempi sorprendenti grazie alla disponibilità degli Stati Uniti. 

Meno di un mese dopo l’attentato alle Twin Towers di New York, l’11 settembre 2001, mentre l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale era ancora rivolta alle immagini in loop del crollo delle torri gemelle ed alle manifestazioni del dolore dei familiari ed amici delle vittime, mentre gli opinionisti di tv e giornali discutevano trafelati della crociata al terrore proclamata da G.W Bush, tra plichi alle spore di Antrace e video comunicati di Osama Bin Laden, il volo SB-1812, un charter settimanale che effettuava la rotta Tel Aviv-Novosibirsk della Siberia Airlines, fu abbattuto per errore, alle 9:45 pm GMT (1:45 pm dell’orario di Mosca) da un missile S-200 (Codice Nato Sa-5 Gammon) lanciato da una batteria antiaerea BUK delle forze armate ucraine. Nell’incidente morirono 66 passeggeri, in gran parte cittadini israeliani di origini russa che si recavano a visitare le loro famiglie e 12 membri dell’equipaggio.

Il 4 ottobre 2001, il Tupolev Tu-154M della Siberia Airlines, dopo essere decollato dall’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, era in volo già da due ore e monitorato dai controllori di volo di Rostov sul Don quando scomparve dagli schermi radar sui cieli del Mar Nero, a 350 km dalla Crimea, tra Sochi e la costa turca di Fatsa, mentre volava ad una quota di 36.000 piedi (circa 11.000 mt). Un pilota armeno che volava a poca distanza dall’aereo della compagnia siberiana vide l’aviogetto esplodere in volo e cadere nel mare. Poche ore dopo le autorità russe formularono le prime tre ipotesi del disastro: attacco terroristico, cedimento strutturale o abbattimento causato da un missile proveniente dal territorio nazionale ucraino.

La possibilità di un attacco terroristico mediante bomba a bordo, a poche settimane dallo shock dell’attacco alle Twin Towers, fu considerata poco attendibile dalle stesse autorità israeliane, le cui procedure per l’imbarco sono tra le più severe del mondo, mentre l’ipotesi dell’abbattimento a causa di un missile venne suffragata poche ore dopo l’incidente dagli Stati Uniti, che attraverso delle fonti militari e governative rivelarono, per primi, attraverso il Washington Post e ABC News, che il volo SB-1812 non era stato abbattuto da un attacco terroristico ma poteva essere stato colpito da un missile ucraino, a causa di un errore durante un’esercitazione militare.

Read More

commune

Conosciuto per il suo sguardo ironico, satirico, ed esploratore delle utopie radicali sviluppatesi negli Stati Uniti a partire dagli anni ’60; nato in California nel 1918, figlio di un militante del Socialist Labour Party, di cui divenne anch’egli un importante attivista a livello nazionale; tra gli scrittori di Science Fiction, Mack Reynolds (Dallas McCord “Mack” Reynolds), è tra coloro che hanno dato il contributo più significativo nell’indagine delle tendenze sociali nella letteratura fantascientifica, profetizzando l’avvento di fenomeni sociologici, economici e tecnologici, come l’adozione della credit card per i pagamenti, il sistema di controllo panottico e di accumulazione dei dati statitistici ed informazioni personali, ed il sistema di connessione digitale che collega tra loro i computer in “Le Comuni del 2000” , scritto nel 1974.

…lo spirito di Robert Owen sopravvive…

Romanzo del genere Fantascienza Sociologica (Social Science Fiction), Le Comuni del 2000 (titolo originale: Commune 2000 a.D., pubblicato in Italia da Urania nell’agosto del 1981) è ambientato negli Stati Uniti alla fine del secondo millennio, in una società completamente automatizzata, i cui processi produttivi richiedono l’impegno di solo il 10% della forza lavoro disponibile, mentre il restante 90% vive grazie al Fondo Assistenza Universale (FAU): un reddito di cittadinanza garantito a tutti i cittadini americani. L’automazione investe ogni aspetto della vita sociale e riguarda anche la raccolta dati sulle persone, effettuata dalla Banca Nazionale Dati (BND), un potente istituto nazionale di statistica che raccoglie informazioni in un gigantesco database informatico, a cui si può accedere con dei computer connessi in rete anche da casa. Attraverso i visori dei computer che usano la tecnologia touch screen è possibile accedere a dati, informazioni ma anche ad opere d’arte, musica e testi digitalizzati. Il sistema telematico di raccolta dati della BND seleziona anche il personale necessario per le attività lavorative e ha una funzione marcatamente securitaria:

In breve, ogni cittadino degli Stati Uniti venne schedato, anche se la sua carriera criminale si riduceva a un’infrazione del codice stradale. E quello era solo l’inizio. Vennero ben presto aggiunte le informazioni di carattere medico. Contemporaneamente, altre categorie si servivano delle Banche Dati: le università, le biblioteche, i giornali, insomma tutti i depositari delle conoscenze umane. E anche loro, molto presto, cominciarono a fornire informazioni. In breve si strutturò una gigantesca Banca Dati di libri, enciclopedie, archivi di giornali. Vi si poteva trovare di tutto, dalle opere di Einstein al ricettario di cucina. Il passo maggiore venne fatto quando si decise di includere anche la Biblioteca del Congresso e, pochi anni dopo, grazie ad un accordo con il governo di Sua Maestà, la biblioteca del British Museum. Alla fine, tutto quel materiale educativo venne fuso con le informazioni sui singoli individui già a disposizione del governo federale, e così nacque la BND. (…) Ogni rivista, ogni giornale, ogni opuscolo e libro pubblicato nel mondo intero, in qualsiasi lingua, venne tradotto dal computer ed archiviato, sia nell’originale che nella traduzione. Di pari passo con questi sviluppi procedevano quel nel campo delle attività bancarie e di credito; si andava formando una società senza denaro, senza assegni, basata su un sistema di crediti. Il computer ed il videotelefono portatile resero possibile un sistema nazionale di credito che eliminava il denaro nel vecchio senso della parola. (…) Bastava appoggiare il ricetrasmettitore tascabile sullo schermo di pagamento di ogni negozio, ristorante, mezzo di trasporto pubblico, perché la spesa venisse dedotta dai crediti accumulati. (Le Comuni del 2000, pag. 27)

In questa società è impossibile vivere senza il ricetrasmettitore che il governo fornisce a ogni cittadino. E’ il telefono portatile, è il documento d’identità, è il mezzo per mettersi in contatto con le Banche Dati, è la cabina di voto. Senza il ricetrasmettitore non si può comperare niente. Non si può ricevere il Fondo Assistenza Universale. Non si può noleggiare un’auto. Non si può fare niente. (Le Comuni del 2000, pag. 74)

La società immaginata da Reynolds ha raggiunto il benessere, al punto di consentirsi di non far lavorare la maggioranza della popolazione,  ha abbandonato da tempo ogni vincolo morale o sessuale, ed è una società trasparente, un sistema biopolitico che esclude la massa dell’Altro in esubero per costituire una élite uniformata e totalitaria, funzionale al sistema. Il meccanismo sociale coincide con un vuoto di senso in cui la BND funge da strumento di controllo e manipolazione sociale, esercitato in nome della libertà, inducendo le persone a ritenersi libere, sia se accettano la conformità elitaria del sistema produttivo, sia se invece deviano verso l’esclusione sociale.

Read More