archivio

Zen Circus

 

The sun descending in the west,
The evening star does shine;
The birds are silent in their nest,
And I must seek for mine.
The moon, like a flower,
In heaven’s high bower,
With silent delight
Sits and smiles on the night.

(William Blake)

 

Licenza Creative Commons

Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia

 

Annunci
Maryam Ebtekar, Gioco, Oil on Canvas, 2012

Maryam Ebtekar, Gioco, Oil on Canvas, 2012

“Per questa ragione ottenere cento vittorie in cento battaglie non è dimostrazione di grandissima abilità. Soggiogare il nemico senza combattere rappresenta la vera vetta dell’arte militare. Perciò la strategia da seguire in guerra è in primo luogo quella di vanificare i piani del nemico, in secondo luogo di comprometterne le alleanze e poi di assalirne l’esercito; l’ultima mossa da compiere è quella di porre sotto assedio le sue città fortificate. Quest’ultima tattica deve essere adottata solo quando non si può fare altrimenti…Perciò chi eccelle nell’arte militare soggioga gli eserciti nemici senza affrontarli direttamente in combattimento, cattura le città fortificate senza doverle assalire, e distrugge gli Stati avversari senza doversi impegnare in campagne prolungate.” (Sun Tsu, L’arte della guerra ed i metodi militari)

La sequenza

Quando si seguono gli altri con piacere, di sicuro ci sono impegni. Per questo segue poi il segno ‘Operare su ciò che è stato corrotto’. Operare su ciò che è stato corrotto significa impegni.

Segni misti

Operare su ciò che è stato corrotto. In seguito c’è ordine, perché ha sublime riuscita.

Il deciso sta sopra e il cedevole e mite sta in basso, immobile: ciò che è stato corrotto.

Propizio è attraversare la grande acqua.

Prima del punto iniziale tre periodi. Dopo il punto iniziale tre periodi.

(Tratto da ‘I King‘)

 

Huang Binhong (1865-1955), Foglio tratto da 10 paesaggi ispirati alla poesia di Li Tanyuan

Huang Binhong (1865-1955), Foglio tratto da 10 paesaggi ispirati alla poesia di Li Tanyuan

Una solida costruzione non crolla

un buon abbraccio non lascia andare;

gli eredi onoreranno incessantemente chi compie queste cose.

Coltiva la virtù in te stesso, e quella virtù sarà autentica;

coltivala in casa, e quella virtù sarà abbondante;

coltivala nel paese, e quella virtù durerà;

coltivala nella nazione, e quella virtù sarà prospera;

coltivala nel mondo, e quella virtù sarà universale.

Perciò osserva te stesso partendo da te stesso,

osserva le case partendo dalla tua casa,

osserva i paesi partendo dal tuo paese,

osserva le nazioni partendo dalla tua nazione,

osserva il mondo partendo dal tuo mondo.

Come so che le cose vanno così?

Da questo.

(Frammento attribuito a Lao Tzu)

“Poichè gustiamo con gioia ogni aspetto della vita come una manifestazione della grande mente, non ci interessa alcuna gioia straordinaria. In tal modo abbiamo una calma imperturbabile.”

Se qualcosa entra nel campo della vostra mente, lasciatelo entrare, e poi lasciatelo uscire. Non rimarrà a a lungo.

Se tentate di fermare il pensiero, significa che ne siete disturbati. Non fatevi disturbare da niente. Apparentemente si tratta di qualcosa provenga dal di fuori della vostra mente, ma in effetti si tratta solo delle vostre onde mentali, e se non vi fate disturbare dalle onde, gradualmente si faranno più calme. Sensazioni, pensieri ed immagini non sono altro che onde della vostra mente. Nulla proviene dal di fuori di essa. La mente include tutto.

Se la vostra mente è correlata a qualcosa di esterno a essa, si tratta di una piccola mente, una mente limitata. Se la vostra mente non è correlata a nient’altro, allora nella sua attività non sussiste più alcun modo d’intendere dualistico. Il fatto che tutto sia incluso nella mente ne costituisce l’essenza, anche se sorgono delle onde, l’essenza della mente è pura, come l’acqua chiara increspata dalle onde.

Grande mente e piccola mente sono una cosa. Con la grande mente noi accogliamo qualsiasi esperienza ci capiti come quando riconosciamo per nostra la faccia riflessa da uno specchio di fronte a noi. E naturalmente non c’è alcuna paura di perdere questa mente. Non c’è nessun posto per cui andare o da cui venire; non c’è nessuna paura della morte, nessuna sofferenza a causa della vecchiaia o della malattia.

Se intendiamo la mente così il nostro modo di agire acquista sicurezza.

(Liberamente tratto da: Shunryu Suzuki-roshiMente Zen)

“Attimo per attimo, ognuno scaturisce dal nulla. Ecco la vera gioia della vita”

Vivere nel regno della natura significa morire in quanto piccolo essere, attimo per attimo. Quando perdiamo il nostro equilibrio, moriamo, ma nello stesso tempo ci evolviamo anche, cresciamo. Tutto ci appare nell’atto di cambiare, di perdere il proprio equilibrio. La ragione per cui ogni cosa appare meravigliosa è che si trova in uno stato di sbilanciamento, mentre però il suo sfondo resta sempre in perfetta armonia.

La pratica degli antichi pittori di shikishi era quella di porre su carta l’inchiostro in un disordine artistico. Ciò è alquanto difficile. Anche se ci si sforza intenzionalmente di farlo, di solito il risultato appare sempre disposto secondo un certo ordine. Credete di avere il controllo, ma non lo potete avere; è quasi impossibile disporre l’inchiostro senza assolutamente alcun ordine.

Dopo che il vento cessa vedo un fiore cadere. Per il canto dell’uccello scopro la calma della montagna.

Prima che accada qualcosa nel regno della calma, noi non sentiamo la calma; solo quando qualcosa accade all’interno della calma noi la scopriamo veramente.

Per la luna c’è la nuvola; per il fiore c’è il vento.

(Liberamente tratto da: Shunryu Suzuki-roshi, Mente Zen)